Bonus mobili 2020, ultime notizie: come funziona e quali requisiti per ottenerlo

WAU, al via la produzione e la vendita dei prodotti di design in tutto il mondo: news 23/02
WAU, al via la produzione e la vendita dei prodotti di design in tutto il mondo: news 23/02
23 Febbraio 2020
Bonus mobili 2020, ultime notizie: come funziona e quali requisiti per ottenerlo

Bonus mobili 2020, ultime notizie: come funziona e quali requisiti per ottenerlo

La riconferma per ottenere il bonus mobili arriva direttamente dalla manovra 2020. Resta inteso però che per accedere a questa opportunità occorre possedere alcuni requisiti. Vediamo quali sono e quali tipologie di mobili possono rientrare tra questi.

Tra le prerogative della Legge di bilancio 2020 vi è appunto l’acquisto di mobili e di elettrodomestici. Si tratta in verità di una proroga di un importante incentivo previsto anche nella precedente finanziaria. La possibilità di usufruire del bonus permane anche per quest’anno e fino al 31 dicembre 2020.

Bonus mobili 2020: requisiti e come ottenerlo

Il varo nella legge di bilancio 2020 relativamente della proroga sul bonus mobili 2020 ha trovato d’accordo tutte le forze politiche che compongono l’attuale esecutivo. Ma vediamo in concreto come funziona questo bonus e quali sono i requisiti per beneficiarne.

Il bonus mobili 2020 consiste nella detrazione Irpef pari al 50% sulle spese di acquisto di nuovi mobili, arredi per il proprio appartamento e financo agli elettrodomestici. L’importo massimo è stabilito a 10.000 euro. Ma oltre a questo limite economico vi sono altri requisiti da rispettare. Tra questi ricordiamo:

  • la detrazione Irpef del 50% viene compensata dall’utente/acquirente attraverso 10 quote annue di pari importo, mediante la dichiarazione dei redditi su modello 7e30;
  • Le spese devono essere effettuate tramite “bonifico parlante”, riportando la causale: “acquisto mobili ed elettrodomestici”. Il “bonifico parlante” è chiamato così perché deve riportare tutta una serie di dati, inclusi quelli dell’acquirente e del venditore;

Rientrano nelle categorie dei metodi di pagamento accettabili, ai fini del conseguimento del bonus, il bonifico bancario o postale, le carte di credito o debito. Viceversa, non è possibile fare pagamenti di questo tipo con assegni, contanti o altri mezzi diversi da quelli prima citati.

Bonus mobili 2020: quali mobili possono usufruire dell’incentivo?

I mobili che possono usufruire dell’agevolazione sono:

  • Divani;
  • Armadi;
  • Letti;
  • Comodini;
  • Poltrone;
  • Tavoli;
  • Sedie;
  • Materassi;
  • Librerie;
  • Mensole e scrivanie;
  • Mobili per il bagno (cassettiere e apparecchi di l’illuminazione).

L’agevolazione del bonus mobili 2020 è strettamente correlata alla ristrutturazione del proprio appartamento. Proprio per questo motivo, tale agevolazione spetterà solo ed esclusivamente a chi ha eseguito di recente alcuni lavori di ristrutturazione (su una singola unità immobiliare o nelle parti comuni condominiali) anche durante l’anno precedente rispetto a quello in cui si acquistano i nuovi mobili.

Bonus mobili 2020: elenco dei documenti per usufruire dell’incentivo

Ecco di seguito l’elenco completo della documentazione da presentare per usufruire dell’agevolazione bonus mobili 2020:

  • Le ricevute di bonifici e carte;
  • Le fatture e le spese sostenute;
  • La dichiarazione di ristrutturazione o il titolo abitativo comunale da cui risulti la data di inizio dei lavori in casa.

Fonte: Donne sul Web (https://www.donnesulweb.it/economia/economia-news/bonus-2020-elenco/)

Luciano Mondello
Luciano Mondello
Architetto e Designer, insegna Tecnologia presso un istituto scolastico statale. Nasce a Randazzo (CT) il 12 luglio 1968. Dopo aver conseguito il diploma di maturità artistica presso il Liceo Artistico “Emilio Greco” di Catania, nell'ottobre del 1986 si iscrive all'Università degli Studi di PALERMO presso la Facoltà di Architettura. Negli stessi anni collabora e lavora in vari studi professionali di Architettura e di Grafica Pubblicitaria, laureandosi nell'ottobre 1997 (indirizzo Disegno Industriale). Dal 1999 si trasferisce a Randazzo dove svolge la libera professione di Architetto, arredatore d’interni e designer.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *